0commenti  
Tra letteratura e giornalismo, omaggio a Giovanni Boine

Per il ciclo d’incontri organizzato nel Foyer della Corte in collaborazione con la Fobdazione Mario Novaro, questo pomeriggio Veronica Pesce e Andrea Aveto terranno una conferenza dedicata al grande poeta e scrittore savonese. Letture di Maria Comerci

Giovanni Boine - Tra letteratura e giornalismo
Nel foyer del Teatro della Corte di Genova prosegue con il secondo appuntamento il ciclo di incontri, organizzato dalla Fondazione Novaro in collaborazione con il Teatro Stabile, volto a rivisitare l’attività di alcuni autori liguri della prima metà del ‘900 che  hanno avuto un ruolo di risalto nel panorama della cultura
nazionale.

Giovedì 9 febbraio, alle ore 17, Veronica Pesce e Andrea Aveto accostano e approfondiscono l’opera di Giovanni Boine. Nel corso dell’incontro, accompagnato da proiezioni, Maria Comerci darà voce ad alcune pagine dell’Autore.

Giovanni Boine fu uno degli intellettuali più eminenti del gruppo "vociano".
Nacque a Finalmarina, Savona, il 12 Settembre 1887 e studiò all’università di Milano, dove si laureò in lettere. Visse a Parigi, a Ginevra, a Zurigo, a Vienna e a Roma, approfondendo i suoi studi filosofici. Malato e inquieto, avventuroso e passionale, ebbe disordinate esperienze sentimentali, di cui l'amore per Sibilla Aleramo fu la più solida ed incisiva.

La sua prima composizione, uno studio su San Giovanni della Croce, apparve nel 1907 sulla rivista “Rinnovamento”, di tendenza modernista, ma solo quattro anni dopo sulla “Voce”, Boine pubblicò un saggio di condanna del modernismo. A causa della tubercolosi, nel 1909 si trasferì a Porto Maurizio, in Riviera, con un incarico di bibliotecario. Pubblicò su “La Voce” alcuni scritti poi raccolti postumi nel volume “La ferita non chiusa” (1921), ma in seguito si staccò polemicamente dalle posizioni vociane. Nel 1912 collaborò a "La Riviera Ligure" e su questa rivista tenne, dal marzo 1914 all'ottobre 1916, una rubrica di critica militante "Plausi e botte"; sulla stessa pubblicò i suoi scritti più importanti.

Con “Il peccato e altre cose” (1914) affrontò nella forma del romanzo le tematiche intellettuali e religiose precedentemente esplorate nella prosa saggistica: emergono, in una prospettiva indirettamente autobiografica, una forte inquietudine religiosa e la consapevolezza dell'unicità dell'esperienza personale. Dopo i “Discorsi militari” (1914), fortunato commento ai regolamenti dell'esercito, le prose liriche raccolte postume in “Frantumi “(1918) costituiscono l'ultimo e forse il più felice esito del suo percorso letterario: nella dimensione stilistica del frammento trovano misura ideale l'impeto autobiografico e l'inquietudine religiosa e morale di Boine. Come già detto, le pagine più riuscite di Boine sono state quelle in prosa come il “Ragionamento al sole”, “L’agonia”, “La città”, “Conversione al codice”(raccolte in Frantumi), dove si concentra la passione filosofica, l’angoscia della dissoluzione fisica e il senso della vita, ricca e inafferrabile.

Tra i vociani egli fu colui che sentì maggiormente la caduta delle certezze che derivarono dalla crisi del positivismo e ne dedusse una visione della vita priva di valori e significati, solamente animata dal senso di un disfacimento imminente della società contemporanea. Dal novembre 1912 al 1913, a causa della tisi, si recò in sanatorio a Davos, in Svizzera.
Tornato a Porto Maurizio vi trascorre gli ultimi anni della sua vita, finché, con l’aggravarsi della malattia, non lo colse la morte il 16 Maggio 1917.

 
Tra letteratura e giornalismo – Giovanni Boine
Dove: Foyer della Corte, Teatro della Corte, piazza Borgo Pila, Genova
Quando: giovedì 9 febbraio 2012, ore 17
Ingresso libero
Genova, 9 febbraio 2012
Viveregenova è supplemento di Comune di Genova Web
periodico quotidiano web iscritto a Registro Stampa al N.26/2011
presso Il Tribunale di Genova con Decreto del 22/11/2011
Direttore responsabile Cesare Torre
Caporedattore Alessandra Ramagli